Si tratta di una preparazione di antica memoria che oggi è stata, praticamente, abbandonata. Un fattore importante, tra le cause di abbandono, la complessità della realizzazione di queste ricetta delle trenette a stufato. Tuttavia si tratta di una preparazione di alto valore simbolico anche da un punto di vista della storia gastronomica e genovese.

trenette a stufato

 

Ingredienti

  • Fagioli secchi o borlotti bianchi 200 grammi

  • Trenette 400 grammi (avvantaggiate)

  • Una cipolla media

  • Poco prezzemolo

  • Un cucchiaino di salsa di pomodoro

  • Due filetti di acciughe

  • Funghi secchi 10 grammi

  • Due cucchiai d’olio extravergine d’oliva

  • Pepe  e sale

trenette a stufato

Se non utilizzate fagioli già cotti, metteteli a bagno la sera prima. Il mattino lavateli e lessateli  in due litri d’acqua. Quando avrete completato la cottura, scolateli ma conservate l’acqua. passate i fagioli al passaverdura e salate. Pulite le acciughe e privatele delle lische. Mettete a bagno i funghi in acqua tiepida, strizzateli e tritate. Fate un trito di cipolla e prezzemolo e fate soffriggere in olio: aggiungete le acciughe e i funghi secchi tritati. Aggiungete a questo trito la salsa che avrete diluita in poca acqua calda e fate insaporire per un quarto  d’ora. A questo punto aggiungete il passato di fagioli e fate cuocere, rimestando in continuazione, per cinque minuti . Lessate le trenette lasciandole al dente. Scolatele  e insaporite nel passato di fagioli . Levate dal fuoco e fate riposare cinque minuti prima di servire le vostre trenette a stufato , non senza aver spruzzato di pepe.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.