reganisso Quanto era buono il reganisso, che poi altro non è che la radice della liquirizia. Molto meglio della gomma da masticare. Qualcuno si limitava a masticarlo, altri lo mettevano nell’acquavite per insaporire il distillato. Un antidoto, spesso, per farsi passare la voglia di fumare sigarette (anche se alcune aziende la aggiungono come additivo alle sigarette) e/o anche per scacciare la fame, ma anche un rilassante e gustoso passatempo. Gli specialisti decorticavano il bastoncino per una degustazione più veloce, altri li usavano per la preparazione di tisane e infusi. Il dottore diceva che provocava l’innalzamento della pressione arteriosa, che era anche tossica, ma tu non ci pensavi. Ottima la tisana di liquirizia e zenzero facendo bollire in un pentolino d’acqua le radici di liquirizia ed una radice di zenzero, aggiungendo un pizzico di cannella. Ad ogni modo, passeggiare con Il reganisso in bocca ti dava un tono, e poteva durare un giorno intero.

Mauro Salucci è nato a Genova. Laureato in Filosofia, sposato e padre di due figli. Apprezzato  cultore di storia,  collabora con diverse riviste e periodici . Inoltre è anche apprezzato conferenziere. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive di carattere storico. Annovera la pubblicazione di  “Taccuino su Genova” (2016) e“Madre di Dio”(2017) e   "Forti pulsioni" (2018) dedicato a Niccolò Paganini. Ultimo arrivato  il libro dedicato ad un sestiere genovese importante come quello di " Portoria e Molo". Mauro Salucci lo potete anche leggere Salucci di web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.