La “Marò” detta anche “pestùn di fave” è una ricetta antica.  Nasce dall’inventiva delle massaie liguri, abituate a creare dagli orti delle riviere o dell’entroterra. E’ una salsa utilizzabile nel periodo delle fave per condire linguine,trenette, mezze maniche, con il primato che la cucina ligure ha sempre dato alla pasta.

Pestun di fave

I maestri pastai genovesi erano in diretta concorrenza addirittura con quelli napoletani. Ma non di sola pasta si parla, perchè il pestun di fave può essere portato in tavola anche in una salsiera come ghiotto e naturale condimento di bolliti ed arrosti. Dopo avere sbucciato le fave, le si pesta nel mortaio con aglio abbondante e foglie di menta, poi unire pecorino e, filo a filo, olio extra rigorosamente ligure. Poi sale e pepe quanto basta o quanto si desidera. L’amalgama darà ai commensali ineguagliabili apporti di sali naturali. Cucina no global? Sicuramente. Quella dei nostri avi.

 

 

Mauro Salucci
Mauro Salucci è nato a Genova. Laureato in Filosofia, sposato e padre di due figli. Apprezzato  cultore di storia,  collabora con diverse riviste e periodici . Inoltre è anche apprezzato conferenziere. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive di carattere storico. Annovera la pubblicazione di  “Taccuino su Genova” (2016) e“Madre di Dio”(2017) e   "Forti pulsioni" (2018) dedicato a Niccolò Paganini. ULtimo arrivato  il libro dedicato ad un sestiere genovese importante come quello di " Portoria e Molo". Mauro Salucci lo potete anche leggere su SALUCCI  SUL WEB.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.