pesce a GenovaIl pesce a Genova  aveva un ruolo centrale, nella Repubblica : serviva ad osservare i periodi di magro delle prescrizioni religiose e veniva consumato dal popolo sotto forme di zuppe, come la buridda (pesce e verdure a pezzetti) o il ciuppin (zuppa passata, oggi frullata). Solo presso la nobiltà il pesce veniva servito come pietanza. Le leggi alimentari erano ferree e la mancata osservanza da parte dei pescivendoli comportava anche sanzioni corporali. Il pesce a Genova doveva essere venduto entro 24 ore dalla pesca. Si poteva superare questo limite e venderlo a prezzo inferiore.  Ma in questo caso era obbligatorio porre vicino al pesce una lanterna rossa che ne dava indicazione inequivocabile.

In caso contrario si conduceva il trasgressore in zona Banchi, “in clapa piscium” ora diremmo “ciappa”. La ciappa eraun lastrone di ardesia usato per punizioni corporali. Il condannato veniva sollevato con delle funi e lasciato andare sulla ciappa d’ardesia piu’ volte, fra la derisione popolare. Ancora più crudele era la pena per la pescivendola. A lei  veniva scoperto il sedere e battuto in pubblico con la doga di una botte. A dispetto di quanto si possa  pensare, questo rituale si ripeteva piuttosto spesso. Proprio   da questo nel vocabolario popolare , la pescivendola venne  contraddistinta come una donna volgare e di facili costumi.

Mauro Salucci
Mauro Salucci è nato a Genova. Laureato in Filosofia, sposato e padre di due figli. Apprezzato  cultore di storia,  collabora con diverse riviste e periodici . Inoltre è anche apprezzato conferenziere. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive di carattere storico. Annovera la pubblicazione di  “Taccuino su Genova” (2016) e“Madre di Dio”(2017) e   "Forti pulsioni" (2018) dedicato a Niccolò Paganini. ULtimo arrivato  il libro dedicato ad un sestiere genovese importante come quello di " Portoria e Molo". Mauro Salucci lo potete anche leggere su SALUCCI  SUL WEB.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.