Un tempo nel promontorio di Portofino erano oltre trenta i mulini funzionanti in uno dei luoghi più suggestivi della Liguria. Grande abbondanza d’acqua che scendeva in verticale con massima potenza. Accadeva  come a Genova, dove una piazza si chiama Fontane Marose e per cercare di contenere il getto che arrivava dall’attuale via Caffaro era stata creata una vasca della profondità di cinque metri in Via Interiano. mulini di PortofinoI mulini di Portofino doveva tutto al miracolo di quest’acqua abbondante cessò negli anni Trenta quando l’acqua venne incanalata negli acquedotti. Questa decisione politica comportò la chiusura dei mulini. Alcuni   rimangono ancora oggi visitabili partendo da Santa Margherita Ligure e giungendo tramite una crosa alla Cappella di San Giuseppe. Si arriva alla frazione delle Gave passando da foreste di lecci, pini d’Aleppo, macchia mediterranea.  Qui, vicinali, quasi beffardi i nomi dei due mulini, quello dell’Acqua Morta e quello dell’Acqua Viva.  Altri, poi la Ruta, la discesa a Portofino traversando profumati uliveti. Un itinerario nella Liguria che non c’è più.

 

Mauro Salucci
Mauro Salucci è nato a Genova. Laureato in Filosofia, sposato e padre di due figli. Apprezzato  cultore di storia,  collabora con diverse riviste e periodici . Inoltre è anche apprezzato conferenziere. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive di carattere storico. Annovera la pubblicazione di  “Taccuino su Genova” (2016) e“Madre di Dio”(2017) e   "Forti pulsioni" (2018) dedicato a Niccolò Paganini. ULtimo arrivato  il libro dedicato ad un sestiere genovese importante come quello di " Portoria e Molo". Mauro Salucci lo potete anche leggere su SALUCCI  SUL WEB.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.