Ivano Ricchebono Molto spesso ciò che è scritto non appare per ciò che è, anche perché quello che è scritto non è ciò che appare. In questo senso si potrebbe leggere la notizia, apparsa su un quotidiano nazionale, secondo la quale lo chef stellato genovese Ivano Ricchebono starebbe per approdare, armi e bagagli, al Diana Grand Hotel di Alassio. Un bel colpo per la città del Muretto, un po’ meno per Genova, qualcuno ha chiosato, nel leggere l’indiscrezione enogastronomica che in poche ore ha fatto molto rumore nell’ambiente e non solo.
“Ma non è assolutamente così – precisa all’altro capo del telefono Ricchebono raggiunto da Zena a toua. Nessun spostamento, nessuna chiusura per The Cook – incalza lo stellato – solo una consulenza all’interno di una struttura prestigiosa. Nulla di particolare, situazioni che spesso accadono nel mondo della ristorazione, senza che per questo si debba. necessariamente, dire, o scrivere, che uno chef si sta trasferendo”
Tanto rumore per nulla?
“Ma il fatto di portare una consulenza in una location di così alto prestigio non può che riempirmi di orgoglio – aggiunge lo chef che però tiene a ribadire che – si tratta di una consulenza pura, che , tra le altre cose, svolgerò nel periodo in cui The Cook sarà chiuso per ferie.”
social chefTutto chiarito dunque ?
“Ma certo: a Genova possono stare tranquilli: abbiamo portato la stella nel cuore della Superba e stiamo dando il nostro contributo a questo tentativo di rinascita che viene portato avanti. Nessuna intenzione di approdare ad altri lidi, ma solo il piacere di sviluppare in più direzioni progetti di cucina sotto forma di apporti esterni come altri che sono in corso con successo su tanti fronti: dall’aeroporto di Genova al nuovo Mercato Orientale Genovese. “
Quindi nulla turba lo chef Ivano Ricchebono ?
“Beh, no una cosa ci sarebbe …Vorrei veder conclusa la querelle legata alla cessione della mia amata Sampdoria.”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.