Ecco un altro piatto , le barbabietole alla genovese, scomparso dalle abitudini e dalle memorie, parlando di cucina ligure. L a più importante tra le numerose varietà di barbabietole, è quella da zucchero. Lo sa bene Genova, che ha un grande passato nell’industria saccarifera.  Tuttavia, in cucina, viene utilizzata la barbabietola rossa. e ne utilizza la sua radice che può essere cotta nel liquido, ma, soprattutto, nel forno. C’è anche un trucco per evitare che altre verdure possano essere macchiate, nel caso di vicinanza, dal rosso molto intenso della barbabietola. Basta immergere la radice nell’aceto e tenerla così per un’ora.

Barbabietole alla genovese

Ingredienti (per quattro persone)

  • Due barbabietole rosse

  • Un cucchiaino di semi di finocchio

  • Mezzo spicchio d’aglio

  • Due cucchiai d’olio extravergine d’oliva

  • Un cucchiaio d’aceto bianco

  • Sale

Lessate e, poi, cuocete al forno le barbabietole. Pulitele e tagliatele, successivamente, a fette. Pestate nel mortaio  il finocchio e l’aglio diluendoli con l’acetto. Versate le barbabietole in una terrina e irrorate con gli ingredienti precedentemente pestati nel mortaio . Aggiungete un po’ d’olio e salate. Le vostre barbabietole alla genovese sono pronte per essere servite come gradevole contorno a seconda dei gusti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.