Ci sono 10 cose fa fare a Slow Fish, nel corso di questa edizione che si conluderà domenica 12 maggio negli spazi del Porto Antico di Genova. Potreste…

1 – Fare un viaggio in Giappone alla scoperta della tradizione dell’himono (il pesce essiccato). L’himono ha una tradizione antica, che risale a quando – complici le periodiche messe al bando delle carni di manzo, maiale, pollo – i prodotti ittici costituivano il principale apporto proteico per le persone.  Cercate lo stand Slow Food Nippon Fish School, in piazza Caricamento.

10 cose da fare a Slow Fish

2 – Incontrare i “pescatori custodi” di tutto il mondo, che lavorano quotidianamente per preservare gli stock ittici e la ricchezza degli habitat marini.  In alternativa, per ascoltare qualcuna delle sea stories che abbiamo portato a Genova, entrate nella Casa dei pescatori, in Casa Slow Food.

3 – Partecipare a un’asta del pesce all’ultimo zerro! Torna all’interno del mercato l’Asta del pesce di Slow Fish organizzata da Slow Food Liguria. Qui potete accaparrarvi il meglio del pescato fresco di giornata. Potete farvelo pulire allo stand di Aqua e Cooperativa pescatori Boccadasse (C239), in Piazza Caricamento.

10 cose da fare a Slow Fish

4 – Farsi consigliare dai  juke box ambulanti – i volontari del Servizio civile e gli studenti dell’Università di scienze gastronomiche. Li trovate   nei paraggi di Casa Slow Food

5 – Partecipare agli eventi migranti. Molte le proposte per scoprire una delle città italiane più “contaminate” dalle migrazioni. Pranzi speciali a base di contaminazioni gastronomiche.

6 – Approfondire i progetti degli Slow Food locali. Vi segnaliamo tutti gli appuntamenti organizzati da Slow Food Liguria nello stand La Casa Libera del burro.

7 – Partecipare al grande Eat-In organizzato dai ragazzi dell’Università di Scienze Gastronomiche, un originale pranzo in cui ognuno porta un piatto da condividere e si festeggia!  Attenzione! L’Eat-In è un evento plastic free.

8 – Scoprire le tradizioni gastronomiche del mondo. Del Giappone abbiamo già detto, ma sono molte altre le opportunità per andare in giro per i sette mari: nel Mercato di Slow Fish potete provare le aringhe salate e affumicate, Presidio norvegese di Slow Food; le capesante spagnole servite con le loro salse dall’espositore Fresco y del mar; il ceviche peruviano.

10 cose da fare a Slow Fish

 

9 – Provare abbinamenti inconsueti : come il pesce con i prodotti caseari, pratiche che molti condannano. Sposare la Prescinseua, cagliata genovese, con il pescato,ad esempio.

 

10 – Mettersi alla prova e imparare la salagione dell’acciuga. Tutti i giorni nell’area pescheria della Piazzetta LaMiaLiguria i GAC FLAG liguri si cimentano in workshop dimostrativi grazie ai quali diventare esperti in questa tecnica di conservazione. Insomma: 10 cose da fare a Slow Fish 2019.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.