728 x 90 IMU Leaderboard
 
Non è la prima volta che visitiamo questo storico locale di Sestri Ponente. Le “Toe Drue” ,in via Corsi, rimandano a sapori lontani, nascosti dal tempo quando questo locale, nella più pura tradizione operaia, era una bottiglieria con degustazione di farinata (diciamo così). In un’ampia scaffalatura, ricamata di ideali polveri antiche, fanno bella mostra alcune bottiglie,  protagoniste in grado di ricordare in prima persona quei tempi e quegli aromi.
 
L’oggi è un gradevolissimo locale:  mantiene il suo stile e  ha saputo risollevarsi dalle ambasce di una natura assassina con la comunità sestrese nella forma di una pioggia che lascia  il segno anche quando è passata.
 
Ci è piaciuto tornare ad assaporare i gusti di “Toe Drue”, tavole spesse come quelle su cui si mangia, grazie ad un menù degustazione che offre il polso e la cifra del locale così ben rappresentato da Andrea Zane.
L’apertura è affidata alla classicapanissa croccante e calda al punto giusto servita, così come le restanti portate, con garbo e cortese attenzione.
La tartaredi Palamita in vetro agli agrumi è una scelta di assoluto charme: scivola lungo il palato lasciando inequivocabili i tangibili segni del mare.
IMG_5500
Originale, non inconsueta, la scelta di servire delle seppie in misticanza accompagnate dal bacon croccante. Non nuova, ma certamente la croccantezza del bacon è presente
IMG_5501
Al proscenio un  Gazpacho ottimamente realizzato con gusti andalusi. Nella presentazione una pigmentazione in difetto ci aveva fatti sospettare: dubbi sfumati, i  temi ci sono tutti e molto chiari
IMG_5502
 
Il fiore di zucchina è sicuramente una grande tradizione genovese. Interpretarla in modo consapevolmente provocatorio abbinandolo all’orata è una scelta gradevole che sposa le cucine dell’orto, tipicamente genovesi, con gusti marini più recenti ma non per questo meno graditi
IMG_5503
Acciughe come protagoniste in questo trittico (limone di contorno dal quale ci teniamo ben lontani). Impanate, al forno e rosmarino e ripiene. La sublimazione della freschezza e le fortune di un pesce che per definizione, erronea, è povera. Semmai erano povere le persone che lo compravano anticamente. Tris di assoluta congruità culinaria, rassegna palatale di grande rilievo
IMG_5504
Sposare il taglierino verde, tipicamente genovese, con gusti di mare a qualcuno fa storcere il naso, ma si sbaglia. La testimonianza vivente sta in questo piatto di taglierini verdi con bottarga: giusti complementi in uno sposalizio di gusti
IMG_5505
Siamo sinceri, per noi il pesto ha ruvidezze differenti rispetto a quelle un po’ cremose e dilatate che ci sono state proposte in accompagnamento a gnocchi di patate che abbiamo trovato un secondo oltre la cottura naturale. Tornando al pesto gisuto l’equilibrio dei sapori in un dosaggio equilibrato di componenti, ma non ci ha convinti la prova linguale con sdrucciolamenti soggetti a nuovi assaggi più fortunati
IMG_5506
Eravamo curiosi di vederli insieme questi due protagonisti di due cucine liguri ma al tempo stesso variegate tra loro: quelal ponentina e quella genovese. Da una parte il Brandacujun perfettamente eseguito nelle sue vellutate morbidezze, dall’altra le frittellle di baccalà, dove lo street food genovese si esalta oltre ogni dire. Perfette le realizzazioni
IMG_5507
A liberare il palato da un carnevale di sapori per poi prepararlo al finale, ci ha pesnato una gradevolissima e opportuna granita al limone non trattato, tanto semplice quanto equilibrata e solida al momento del servizio nonostante la torrida stagione.
IMG_5508
Il finale affidato alle morbide, e dolci, armonie della mousse alla nocciola e alla spuma di mascarpone abbianata ad una lombarda sbrisolona. Degna conclusione. Solidità, corpo, equilibrio di sapori anche nell’abbinamento in tavola
IMG_5509
Abbiamo accompagnato questo percorso di indubbio interesse con un bianco mosso anche nel ricarico su una quotazione finale comunque soddisfacente dal punto di vista del prezzo rispetto alla qualità proposta. Diamo un 7 che poteva essere, e sarà sicuramente, un 8 pieno, ma il pesto non ci ha interamente soddisfatti.


728 x 90 IMU Leaderboard
Locale di assoluto charme, climatizzazione sufficiente, facilita di posteggio a pochi metri dal locale.
Via Carlo Corsi 44r.
tel. 0106500100
www.toedrue.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.