Che Genova sia una città ricca di talenti non è una novità.  Ma che qualcuno tra questi se ne approfitti e lo sia in tutte le attività che nella sua vita ha attraversato, questo si è più raro! Sandro Caponnetto, genovese nasce calciatore blucerchiato poi anni di gavetta sui campi bollenti del sud.Sandro Caponnetto
Dai campi in erba a quello della gastronomia è la second life del nostro talento.
Le Fate a Genova in zona Foce la sua miglior creatura, tanto da trasformarla da semplice trattoria nel 1983 nell’unica Stella Michelin presente in Liguria.
Ma si sa gli artisti non hanno mai pace e quindi seguiranno le esperienze de “La Champagne” a Boccadasse prima e della versione inglese delle Fate.
Naturalmente Caponnetto non è uno da avviare un’attività in un luogo qualunque lui sceglie la city per eccellenza Londra ma anche qui non si risparmia scegliendo Chelsea.
Seguiranno la Spagna per far ritorno a casa Genova.
Sandro Caponnetto Ma il Sandro che conosco e che mi coinvolge più emotivamente è il Sandro artista contemporaneo e decontestualizzato.
Come solo i grandi chef sanno fare (e Sandro Caponnetto lo è) ovvero creare grandi piatti con quello che hanno lui crea quadri e installazioni.
I suoi capolavori sono veri e propri esplosi armonicamente esposti che esaltano e danno dignità agli oggetti usati.
In questo periodo Sandro Caponnetto espone presso il negozio – I divani di Dolce Dormire – a S.Martino Genova.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.