Il poke diventa italiano e c’è anche un pensiero per Genova e la Liguria . O meglio, si trasforma con alcune eccellenze della nostra gastronomia. E’ questa  la novità di MicaPoke, inventato da Federico Giovannelli, proprietario del format ‘Barotto’, specializzato in taglieri di montagna, e Gabriele Conte, brand evangelist dell’azienda vercellese che ha creato il riso gliAironi.

pokeIl quartiere generale di MicaPoke, nome scelto con un gioco di parole, è a Torino, in via San Massimo 5, ma le ricette entrano nella carta del ristorante dell’hotel 5 stelle ‘Double Tree by Hilton Lingotto’ e approdano al Mercato Centrale di piazza della Repubblica, quando potrà riaprire al pubblico.

Torino come prima tappa di un percorso destinato ad attraversare l’Italia, hanno spiegato gli ideatori.

Tra le proposte, con il riso preparato con la stessa tecnica che si usa per i risotti, la MIcaCarbonara, con uovo cotto a bassa temperatura, guanciale e crumble caco e pepe. Ma c’è anche  il MicaZena con olive taggiasche e crumble al basilico e pinoli. Si passa poi al Pugliese in trasferta con salsiccia di Bra, stracciatella e broccoli o cime di rapa, pere allo zafferano.

“Abbiamo preso il poke e lo abbiamo fuso con la tradizione culinaria più buona del mondo” spiegano gli ideatori. E Non è mica …poco.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.