Sestri Ponente è un posto che riserva sempre sorprese per quanto riguarda la ristorazione. In via D’Andrade, che poi sta a fianco di Via Sestri, c’è L’Ostaia da u Neo. Ci metti piede dentro e vieni catapultato in un’altra dimensione: la sincera tradizione.




Dietro il bancone da “ostaia” c’è Fabio Ricchebono che si accinge a festeggiare il decimo anno di questa avventura. <<Sono qui da nove  anni, dopo quasi vent’anni di “posto fisso” – attacca Fabio tra una una mescita e l’altra – Ero capo negozio nei supermercati Basko. Ho preso la qualifica professionale di Sommelier con l’ “AIS” e ho iniziato a cercare un locale per  dar sfogo alla mia passione: il vino>>.
Dal 1922 in via D’Andrade
Gente che va e gente che viene all’ Ostaia da u Neo.  Non solo da Sestri perché il locale, ormai, è conosciuto e riconosciuto a livello cittadino. E dietro il bancone il racconto di Fabio continua: <<Ho trovato questa osteria “senza cucina”, così era la denominazione ufficiale. Una delle più antiche di Genova, tanto che la prima licenza è del 1922 ma , l’ultima nel cuore del centro storico sestrese>>.
Ti guardi intorno e riconosci l’anima di questo locale: << La classica bettola da bicchierino – e qui Fabio si accalora – Trasformata da me in una calda enoteca con musica dal vivo, una vera e propria house of blues. Negli States si potrebbe definire “jouke joint”>>. Dalla via Emilia al West, cantava Guccini: da via D’Andrade alla Highway, per chi ha fatto un scommessa di gusto da queste parti.



Tanto blues all’ Ostaia da u Neo
L’ “Ostaia” come punto di aggregazione: <<Da oltre un anno ho scelto di fare meno musica.  Effettivamente era troppo: un paio di  concerti alla settimana, oltre 300 eventi in 7 anni. I costi erano eccessivi. E non sempre la risposta del pubblico era positiva. Adesso un concerto ogni due settimane, con band locali, qualche cantautore importante e ovviamente tanto blues>>. Come dire che l’osteria è il Paradiso in terra se qualcuno ha detto che il Paradiso è l’osteria del cielo.
Vino e passione
Il vino, la passione di Fabio Ricchebono che non si sottrae di certo.  Se c’è da raccontare di cosa e quanto si possa trovare nel locale di via D’Andrade, lo fa sempre con piacere: <<Ho circa 200 etichette di vini, con particolare attenzione ai vini liguri. MI piace far girare la proposta dei vini a bicchiere, tanto che ogni due settimane, venti giorni si cambia proposta>>.
Vino ma non solo perchè i gusti, ormai , si sono evoluti e differenziati: <<Da circa un anno ho allargato l’attività a birreria, grazie al birrificio artigianale di Ovada “Henquet 07”. Ho un bell’impianto spina con 5 vie. Oltre ad una cinquantina di birre artigianali e speciali in bottiglia e poi ancora – Completano l’assortimento selezioni importanti di rum caraibici, whiskey americani e italianissime grappe>>.
Tra le proposte dell’ Ostaia da u neo  pranzi, cene e aperitivi con un bell’ assortimento  di panini e taglieri, ma anche  selezione di salumi e formaggi per lopiù liguri.




L’”Ostaia” è diventata anche punto di riferimento oltre che per musicisti anche per gli amanti della poesia. Si organizzano infatti spesso dei readings, e presentazioni di libri.
E’ il momento del saluto con il calice in mano a brindare a questo decennio che tra poco arriverà: << Passione, tradizione, qualità e cultura – ci sciorina la sua formula Ricchebono – che poi conclude << Ho sconfitto così la crisi che mi aveva azzannato le caviglie qualche anno dopo che avevo iniziato la mia nuova avventura lavorativa. L’anno prossimo festeggerò i 10 anni di attività>>.
Ci saluta così, con il tintinnio del vetro reso ambrato dal vino, Fabio Ricchebono mentre un vecchio manifesto dell’Asinello, classico genovese, ci riporta immagini di una Sestri che fu.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.