Le besagnine ad inizio secolo in Piazza dell’Annunziata. Gli orti ed in genere gli appezzamenti coltivabili in Genova, a causa della sua conformazione morfologica, sono sempre stati ristretti , a differenza di altre zone liguri come la piana d’Albenga.
Le besagnineLa zona alluvionale più ricca di territori idonei ad orti e coltivazione di frutta e legumi ed ortaggi in genere era la Valbisagno. Il termine “bisagnino” o “besagnino” indica appunto l’appartenente alla Val Bisagno, ma anticamente, besagnino era colui che entrava in Genova per vendere la propria frutta e verdura. Ancora oggi, la definizione di besagnin, connota uno venuto da fuori e particolarmente rude nei modi, “sgreuzzo”. Le contadine, quindi besagnine, erano al centro di una festa, quella di San Michele di Coronata, guarda caso un posto famoso per il vino e gli orti. La festa delle besagnine durava due giorni ed iniziava il 29 settembre di ogni anno. Due giorni a mangiare e tracannare vino bianco di Coronata. Scrisse il “Giornale di Genova”: “Sono donne cannone, pesi massimi. Ognuna mangia per tre e beve per cinque. Gli astanti si divertono un mondo a vederle”.

 

 

 

 

Mauro Salucci
Mauro Salucci è nato a Genova. Laureato in Filosofia, sposato e padre di due figli. Apprezzato  cultore di storia,  collabora con diverse riviste e periodici . Inoltre è anche apprezzato conferenziere. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive di carattere storico. Annovera la pubblicazione di  “Taccuino su Genova” (2016) e“Madre di Dio”(2017) e   "Forti pulsioni" (2018) dedicato a Niccolò Paganini. ULtimo arrivato  il libro dedicato ad un sestiere genovese importante come quello di " Portoria e Molo". Mauro Salucci lo potete anche leggere su SALUCCI  SUL WEB.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.