È chef Davide Diane, classe 1998: giovane ma con alle spalle una lunga esperienza presso importanti cucine, come quella della famiglia Alajmo (La Montecchia e Le Calandre) e quella di Feva, dove si è confrontato con la cucina
molecolare.
20TreNonostante gli anni trascorsi fuori casa – si è trasferito e ha frequentato l’Istituto alberghiero a Padova – Diane è un genovese DOC, che fin dall’infanzia ha avuto una passione smisurata per il buon cibo e la cucina. Le sue origini italo-croate-franco-ispaniche lo hanno spinto ad alimentare la sua naturale curiosità e predisposizione alla scoperta di nuovi orizzonti. La recente esperienza presso Pacifico a Milano e a Portocervo, inoltre, è servita ad apprendere i segreti della cucina nippo-peruviana nikkei.
“La mia è una cucina coinvolgente e giocosa, ho un approccio creativo alla materia prima enon pongo limiti alla mia fantasia. La dimensione ludica ed inventiva prevale, un po’ comefaceva Willy Wonka nella sua Fabbrica di Cioccolato.
I Tre soci al civico 20r di via Davide Chiossone,  pieno centro storico genovese, gongolano. Sorrisi a bocca larga per Barbara Palazzo, che sta riscuotendo grande successo anche con la nuova avventura in Darsena, e soddisfazione per , Andrea Venturi e Stefano Dagnino. “La figura dello chef per me è come quella di un alchimista” ha dichiarato chef Diane. Da lui non ci si attende la pietra filosofale ma che trasformi le matrie prime in eccellenze da gustare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.