“Jazz in the Caruggi”, la musica e il divertimento  di qualità si incontrano nelle piazzette del centro storico genovese.

Portare la musica di qualità nelle strade e piazze del centro storico coinvolgendo i pubblici esercizi  e, al contempo, sensibilizzare il pubblico al consumo responsabile. E’ questo il senso del progetto “Jazz in the Caruggi” promosso da Assoartisti Confesercenti con il contributo del Comune di Genova. Questa prima edizione da martedì 1 a domenica 6 marzo, prevede un concerto al giorno all’ora dell’aperitivo, ogni sera in una piazza diversa e sempre ad ingresso gratuito.
Jazz in  the Caruggi«L’idea è semplice: portare i migliori musicisti genovesi a suonare in alcune delle più belle piazze dei nostri amati Caruggi e promuovere tra i consumatori, in particolare tra i più giovani, un approccio all’alcol informato e responsabile» dice  Andrea Artioli, direttore artistico di Jazz in the Caruggi. Coinvolti nel progetto quattro importanti bar  – lo Scoretto e la Piccola Birreria Kowalsky di piazza Pollaiuoli, Lo Speziale di salita Embriaci e Zupp di piazza San Matteo – e due ristoranti: l’Enoteca Migone di piazza San Matteo e La Forchetta Curiosa di piazza Renato Negri. Ciascun bar preparerà per l’occasione un cocktail analcolico speciale, mentre i ristoranti provvederanno ai piatti della tradizione ligure. Sia le bevande che i piatti saranno presentati dai gestori in una breve intervista condotta dal giornalista e gastronomo Marco Benvenuto. A Guido Festinese, critico musicale e docente al Conservatorio Paganini, competerà ogni sera la presentazione delle band.

Tutti i concerti avranno inizio alle ore 18, salvo dove diversamente indicato, e saranno ad ingresso gratuito.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.