Fin dall’antichità l’uomo ha pensato a come conservare il cibo intuendo che occorreva ridurne l’umidità e pure isolarlo dall’aria.
Cibo e packagingLe vecchie tecniche dell ’essiccazione o della salatura non erano possibili per molti generi di primaria esigenza quali ad esempio frutta e verdure. Cibo e packaging: che storia!
I lunghi viaggi in mare e l’insorgere di gravi malattie contagiose fecero crescere la ricerca.
In un primo tempo venne utilizzato il vetro che però non poteva essere, per la sua fragilità, trasportato se non con la massima cautela. In seguito il problema si risolse con l’avvento della latta.
cibo e packagingDa oltre 200 anni le scatole di latta ci permettono di trasportare e conservare a lungo molte sostanze adatte alla nostra dieta.
Francois Appert riprendendo gli studi precedenti di Giacomo Spallanzani e più tardi “furbescamente” John Hall e Bryan Dankin sono gli artefici di queste scoperte completate poi da Pasteur.
Un aspetto importante, questa volta legato al merchandising, fu l’immagine delle confezioni, tanto da trasformarne molte in vere icone.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.